CGIL
CGIL

Rappresentanza: CGIL primo sindacato nel pubblico impiego

nuovo evento caricato da il 09-08-2013 4686 MANIFESTAZIONE DELLA CGIL CONTRO LA MANOVRA DEL GOVERNO FOTO © FABIO CIMAGLIA/SINTESI
Foto: Fabio Cimaglia/Sintesi
  • a
  • a
  • a

“Non possiamo che ringraziare le lavoratrici e i lavoratori. Un risultato importante che ci impegna a rafforzare la nostra presenza nei luoghi di lavoro”

Roma, 22 dicembre - “Ancora una volta la Cgil si conferma primo sindacato nel pubblico impiego e insieme a Cisl e Uil risulta essere largamente rappresentativa in tutti i settori”. Così la Cgil nazionale in merito ai dati provvisori, usciti quest’oggi, sull’accertamento della rappresentatività nei settori pubblici per il triennio 2022-2024, dopo le elezioni delle Rsu che si sono tenute lo scorso aprile.

“Il valore del tesseramento e della partecipazione alle elezioni si dimostrano strumenti essenziali della vita democratica nei settori pubblici e nel nostro Paese. Di questo - aggiunge la Confederazione - non possiamo non ringraziare le lavoratrici e i lavoratori che, a differenza di ciò che purtroppo accade in altri contesti, continuano a garantire un'affluenza straordinaria a questi appuntamenti elettorali”.  “Un risultato - sottolinea la Cgil - che ci impegna a rafforzare la nostra presenza nei luoghi di lavoro, il nostro ruolo contrattuale e l'attività di coinvolgimento e di protagonismo dei lavoratori e delle lavoratrici nell'agire contrattuale all’interno dei singoli enti, nelle amministrazioni e nella società più in generale. Questo è ancora più importante nei settori pubblici in cui si costruiscono le basi per la crescita dell'intero Paese e soprattutto si garantiscono i diritti di cittadinanza, a partire da istruzione, sanità e welfare”.

Per la Cgil “il modello di misurazione della rappresentanza e della rappresentatività nei settori pubblici deve per questo costituire un riferimento anche per i settori privati: coinvolgimento, partecipazione e centralità del ruolo del lavoro nella società sono le condizioni per un futuro in cui possano ridursi le disuguaglianze e si possa costruire una crescita equa e sostenibile”. “Siamo naturalmente già impegnati nella contrattazione decentrata, ma per noi rimane prioritario garantire il rinnovo del Ccnl 22/24 per far fronte alla perdita di potere d'acquisto delle retribuzioni, tema - conclude la Cgil - su cui continueremo a mobilitarci anche nelle prossime settimane”.