CGIL
CGIL

Manovra, CGIL ai gruppi parlamentari: non dà risposte a emergenza sociale

Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Dal 12 al 16 dicembre manifestazioni sindacali e scioperi, insieme alla Uil, per cambiare la legge di Bilancio

Roma, 6 dicembre - “La Cgil, negli ultimi giorni, ha incontrato i gruppi parlamentari di Partito Democratico, Sinistra Italiana, Verdi, Movimento 5 Stelle, Fratelli d’Italia, Lega e Articolo1.  La prossima settimana si terranno gli ultimi confronti con Italia Viva e +Europa”.  È quanto si legge in una nota della Cgil Nazionale.

“L’obiettivo - prosegue la Confederazione - è stato quello di evidenziare le preoccupazioni della nostra Organizzazione sull’emergenza sociale in corso, cui la manovra di bilancio non dà alcuna risposta, e non certo quello di stringere rapporti preferenziali con questa o quella forza politica. Ciò che conta per chi rappresenta gli interessi di lavoratrici, lavoratori, giovani, pensionate, pensionati sono le scelte concrete e non i posizionamenti politicisti”. “A nostro giudizio - aggiunge la Cgil - il rischio di impoverimento di una larga parte del Paese è talmente concreto che ogni tentativo per cambiare la manovra va messo in campo, a partire dal sostegno ai salari e dal contrasto al lavoro povero. Fin qui, le forze di maggioranza si sono dimostrate indisponibili a modifiche sostanziali. Domani si svolgerà un incontro con il Governo, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in cui illustreremo le nostre valutazioni e richieste di cambiamento della manovra”.

“Un Ddl Bilancio che non interviene in maniera sufficiente su rendite ed extraprofitti, che riconosce un vantaggio di 9.600 euro a professionisti con un reddito da 85.000 e che destina risorse assolutamente insufficienti per rimediare ai danni che l’inflazione sta infliggendo al mondo del lavoro è inaccettabile, oltre che controproducente per le stesse prospettive economiche dell’Italia. Su tutti gli altri temi: pensioni, precarietà, lotta all’evasione fiscale, politiche industriali, reddito di cittadinanza, welfare e lavoro pubblico non solo non ci sono risposte, ma si va nella direzione opposta a quella che serve”. “Sono queste le ragioni delle manifestazioni sindacali e degli scioperi regionali che, insieme alla Uil, abbiamo programmato nella settimana dal 12 al 16 dicembre”, conclude la Cgil.