CGIL
CGIL

Rider: CGIL, bene condanna del Tribunale Firenze a Deliveroo, licenziamenti inefficaci e contratto Ugl inapplicabile

Rider in piazza per i diritti © Marco Merlini Roma, 30 ottobre 2020 Giornata di mobilitazione nazionale dei rider con Cgil, Nidil, Filt, Filcams, Union e altre sigle sindacali contro l'accordo tra Assodelivery e Ugl
Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a


Roma, 25 novembre - “Il Tribunale di Firenze con la decisione adottata ieri, 24 novembre, ha dichiarato inefficaci i licenziamenti effettuati da Deliveroo e ha imposto alla società di avviare immediatamente ‘le procedure di consultazione e confronto previste dall’art 6 ccnl Terziario Distribuzione e Servizi nonché le procedure di informazione e consultazione previste per i licenziamenti collettivi’. Inoltre, l’azienda è stata condannata a non dare ulteriore attuazione al Ccnl Ugl Rider, permettendo così a tutti i rider di Firenze di reclamare finalmente l’applicazione piena delle condizioni economico e normative previste dalla contrattazione collettiva agita da organizzazioni rappresentative”. Lo fa sapere, in una nota, la CGIL nazionale.

Secondo il Tribunale Deliveroo ha anticipatamente cessato, senza confrontarsi con il sindacato, i rapporti di lavoro dei rider per imporre un contratto collettivo sottoscritto da una organizzazione che agiva con una particolare ‘vicinanza’ ‘alle posizioni datoriali’.
“È la prima volta in Europa - sottolinea la Confederazione - che un Tribunale riconosce, grazie all’impegno della CGIL, che i rider rientrano nella categoria dei ‘worker’ ai quali l’Ue riconosce pieni diritti sindacali e assicura una tutela del posto di lavoro in caso di licenziamenti collettivi”.

Per il sindacato di corso d’Italia “è una sentenza che segna un punto fondamentale nella lotta per i diritti dei rider e sancisce il diritto della CGIL a negoziare, riconoscendo a NIdiL, FILCAMS e FILT, la rappresentatività effettiva per tutelare i diritti dei lavoratori dell’economia digitale. La decisione rappresenta il riconoscimento della fondatezza delle iniziative portate avanti da sempre dalla Cgil e apre la strada ad una tutela piena ed efficace delle condizioni di lavoro per questi lavoratori”.

“Deliveroo, insieme alle altre multinazionali di Asso Delivery con cui da tempo è aperto un tavolo di confronto che però non ha prodotto avanzamenti sul piano del trattamento dei lavoratori, dovrà ora confrontarsi”, conclude la CGIL.