CGIL
CGIL

Inl, Anpal: più risorse per potenziamento organici e valorizzazione competenze personale

Foto:  Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Roma, 20 gennaio - “Siamo preoccupati per le voci che si stanno rincorrendo in questi  giorni circa un possibile rientro all’interno del Ministero del Lavoro di INL e Anpal, le agenzie che si occupano di vigilanza e di politiche attive costituite con i decreti 149 e 150 del 2015”. Lo afferma, in una nota, la segretaria confederale della Cgil, Tania Scacchetti.

In particolare, sottolinea la dirigente sindacale: “Siamo preoccupati per le conseguenze che tali scelte possono determinare sul futuro delle lavoratrici e dei lavoratori e per gli effetti che un eventuale riordino può avere sull’auspicato rafforzamento della attività di vigilanza e ispettiva oltre che sull’utilizzo delle risorse del Piano di ripresa e resilienza e sulle politiche attive del lavoro”.

“Se davvero rafforzare l’attività di vigilanza e ispettiva e le politiche attive, anche alla luce dei cambiamenti e delle trasformazioni che stanno caratterizzando il nostro modello produttivo e sociale, devono diventare sempre più centrali negli investimenti del Paese sarà essenziale - prosegue Scacchetti - prevedere maggiori risorse sia per potenziare gli organici che per valorizzare le competenze del personale INL e Anpal”. “Riteniamo sia necessario discutere di questo con le organizzazioni sindacali e non generare - conclude la segretaria confederale - preoccupazioni sul destino degli enti e su quello di chi ci lavora”.