CGIL
CGIL

Casa: sindacati, 22 marzo in presidio davanti al Mims

  • a
  • a
  • a

“Governo individui soluzioni per contrastare la sofferenza abitativa”

Roma, 21 marzo - Per chiedere al Governo di individuare delle soluzioni per contrastare la sofferenza abitativa, si terrà domani 22 marzo, alle ore 14, davanti Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, a Roma, il presidio unitario promosso da Cgil, Cisl, Uil, Sunia, Sicet, Uniat e Unione Inquilini.

"L'iniziativa - sottolineano sindacati confederali e sindacati dell'abitare - nasce da una forte preoccupazione dovuta alla mancanza di politiche abitative strutturali. Dopo la pandemia e la ripresa delle esecuzioni degli sfratti sono circa 130, 150 mila i nuclei che rischiano di rimanere in strada, decine di migliaia le esecuzioni immobiliari. I rincari delle utenze domestiche oltre all'incremento dell'inflazione stimato dal 4% al 6% sono un macigno per le famiglie". "Il Governo - proseguono - deve rispondere alle 866 mila famiglie povere che, secondo l'Istat, vivono in affitto e che corrispondono al 43% del totale delle famiglie in povertà assoluta. In Italia abbiamo il dovere di rispettare i diritti umani delle persone garantendo a tutti il passaggio di casa in casa attraverso l'implementazione di alloggi pubblici e a canoni sostenibili".

"Il Pnrr, la legge di Bilancio hanno disatteso le aspettative e ora è tempo che questo Governo raccolga le istanze e riavvii una stagione di partecipazione con le parti sociali per intervenire sulla sofferenza abitativa che è impossibile negare e per la quale - concludono Cgil, Cisl, Uil, Sunia, Sicet, Uniat e Unione Inquilini - dobbiamo lavorare congiuntamente per trovare delle soluzioni atte ad evitare uno scontro sociale".

Galleria fotografica