CGIL
CGIL

Immigrazione: Landini, approvare Ius Scholae primo importante passo per riforma cittadinanza

Fiaccolata per la cittadinanza Roma, 20 dicembre 2017: Fiaccolata per la cittadinanza promossa dal movimento #italianisenzacittadinanza e dalla campagna L'Italia sono anch'io

© Simona Caleo/Cgil
Foto: Simona Caleo/Cgil
  • a
  • a
  • a


Roma, 5 luglio - “Affrontare il tema immigrazione significa superare la logica dell’emergenza, contrastare in modo efficace tutte le forme di sfruttamento nel lavoro, il caporalato e le altre pratiche illegali che danneggiano il nostro Paese e quindi valorizzare il contributo che i migranti forniscono alla nostra società; significa smettere di fare propaganda politica sulla loro pelle e costruire serie politiche d’inclusione, a partire dall'immediata approvazione dello Ius Scholae”. Ad affermarlo il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine della Conferenza nazionale immigrazione promossa dalla Cgil che si è conclusa quest'oggi dopo due importanti giornate di dibattito.

“Per superare le disuguaglianze accentuate dalla pandemia e per costruire una società più giusta occorre - sottolinea il leader della Cgil - rimettere al centro il lavoro dignitoso, superare le ingiuste norme legislative a partire dalla Bossi-Fini, valorizzare il ruolo e la partecipazione dei migranti nelle scelte del Paese. È tempo di realizzare vere politiche d’inclusione”.

“Un forte appello è stato lanciato dalla Conferenza nazionale per l’approvazione dello Ius Scholae, una norma che - conclude Landini - può costituire un primo importante passo per la riforma della cittadinanza e consegnare finalmente ai giovani nati in Italia o giunti da bambini il diritto di essere riconosciuti legittimamente italiani e italiane”.