CGIL
CGIL

Ddl Concorrenza: esprimiamo forte preoccupazione

Foto: Fabio Fiorani / Sintesi
  • a
  • a
  • a


Roma, 2 agosto - “Come già denunciato in occasione dell'approvazione in prima lettura del  Ddl Concorrenza, ribadiamo la nostra forte preoccupazione per la visione ideologica che emerge soprattutto in alcune parti del testo: si vorrebbe imporre al Pubblico e allo Stato un ‘ruolo sussidiario’ il più possibile ‘marginale’, favorendo processi di esternalizzazione e di privatizzazione di servizi fondamentali”. Così in una nota il segretario confederale della Cgil, Emilio Miceli.

“Nonostante alcuni passi in avanti importanti, frutto di un'interlocuzione costante con il Parlamento, permane - afferma il dirigente sindacale - la preoccupazione soprattutto su quelle materie che, oggetto di delega, vedranno l'attuazione nel corso della prossima legislatura. Ci riferiamo in particolar modo - sottolinea - alla delega di riforma dei servizi pubblici locali: non possiamo correre il rischio che il prossimo Governo smantelli servizi fondamentali per il Paese”.

“Per queste ragioni, da subito, facciamo appello alle forze politiche che si candidano a governare affinché, anche in campagna elettorale, dicano parole chiare sulla gestione dei trasporti, dei sistemi idrici, dei rifiuti e dell'energia. Non assisteremo inermi - conclude Miceli - al tentativo di attacco al sistema di gestione pubblica dei servizi pubblici locali”.