CGIL
CGIL

Lavoro: Cgil e FDV, presentato il terzo Rapporto sulla contrattazione di II livello

Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a


Roma, 13 aprile - È stato presentato quest’oggi, 13 aprile, il terzo Rapporto sulla contrattazione di secondo livello realizzato dalla Fondazione Di Vittorio e dalla Cgil, un importante lavoro di analisi su un campione di 2.168 documenti tra accordi di livello aziendale, territoriale e di altra natura, sottoscritti nell’ultimo triennio, dal 2019 al 2021.

Una contrattazione, come si sottolinea nel Rapporto, fortemente condizionata dalla diffusione del Covid 19 e definita dagli autori (Nicoletta Brachini, Beppe De Sario e Salvo Leonardi): “pre pandemica” (2019), ossia caratterizzata da accordi molto simili a quelli degli anni precedenti, in cui le tematiche più ricorrenti sono state il trattamento economico e le relazioni sindacali; “emergenziale” (2020), contrassegnata, in maniera del tutto prevedibile, da un forte aumento della contrattazione sui temi relativi alla salute e alla sicurezza, all’organizzazione del lavoro e alle relazioni sindacali e ad un crollo di quella inerente al trattamento economico, in generale, e sulla retribuzione variabile, in particolare; di “ripartenza” (dal 2021), dopo la prima fase emergenziale si è cominciato a ripristinare una contrattazione più standard, in cui però i processi riorganizzativi e gli interventi legati al Covid 19 hanno continuato ad avere un forte impatto. 

Per quanto riguarda l’ambito e l’area geografica su cui gli accordi producono i loro effetti, oltre la metà dei testi può essere classificata come “multi-territoriale/nazionale”, poiché riguarda grandi gruppi aziendali, con protocolli di secondo livello che si applicano su tutto il territorio nazionale. Per il resto, la maggioranza degli accordi è stata siglata nelle regioni del Nord, con una prevalenza del Nord-Ovest, confermando le tendenze riscontrate già nei precedenti rapporti. 

Dal punto di vista dei settori, quello più presente, a livello aggregato, è il manifatturiero (41,5%), in cui incidono molto il meccanico e il chimico, seguito dal terziario (27,2%), trainato da credito e assicurazioni e da commercio e turismo. 

Rivedi la DIRETTA

Galleria fotografica

→ Scarica: il testo del rapporto - la sintesi - le  slides di presentazione

SCARICA PDF