CGIL
CGIL

Sciopero generale: Maurizio Landini, domani tutti in piazza per difendere il lavoro

Foto: Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Il video appello del segretario generale della CGIL su Collettiva.it

Roma, 15 dicembre - “Chiediamo di scioperare e di scendere in piazza perché tutti insieme abbiamo bisogno di combattere una pandemia salariale e sociale che non ha precedenti. La vita e le condizioni delle persone sono nettamente peggiorate e quindi i provvedimenti del Governo devono essere cambiati”. Così il segretario generale della CGIL Maurizio Landini, in un video appello su Collettiva.it, invita ad aderire allo sciopero generale di domani, 16 dicembre, e a manifestare insieme alla UIL a Roma, Milano, Bari, Palermo e Cagliari.

Landini ricorda le ragioni della mobilitazione: “Gli 8 miliardi destinati al fisco devono andare tutti ai lavoratori dipendenti e pensionati, a partire dai redditi più bassi”. “Abbiamo bisogno - afferma - di rendere il lavoro meno precario, c’è troppa precarietà tra i giovani, le donne e nel Mezzogiorno. Abbiamo bisogno che l’ingresso al mercato del lavoro sia fondato sulla formazione e che ci sia un unico contratto di inserimento finalizzato alla stabilità del lavoro”. Inoltre, prosegue il leader della CGIL “abbiamo bisogno di una vera riforma delle pensioni che dia una garanzia ai giovani, che riconosca che i lavori non sono tutti uguali: chi fa lavori gravosi deve poter andare prima in pensione”. “Abbiamo bisogno - aggiunge - di politiche industriali che creino lavoro vero, di qualità. Occorre un decreto per dire basta alle delocalizzazioni. Sono stati dati tanti finanziamenti alle imprese che sono stati poi tradotti in licenziamenti e delocalizzazioni”.

“Noi domani scenderemo in piazza, vi chiediamo di farlo insieme a noi per cambiare la faccia di questo Paese. Abbiamo bisogno - conclude Landini - di più giustizia sociale ed economica, che il lavoro, quello di qualità, i diritti e la solidarietà tornino al centro".


- Per il video appello clicca qui
- Per tutti i materiali grafici e informazioni sullo sciopero generale 'Insieme per la giustizia' clicca qui