CGIL
CGIL

Clima: CGIL, rafforzare ‘Fit for 55' e potenziare Next generation Eu fino al 2030

  • a
  • a
  • a

Roma, 8 marzo - “Alla luce degli effetti della guerra in Ucraina sul settore energetico crediamo che il pacchetto climatico dell’Ue ‘Fit for 55’ vada rafforzato, accelerato e accompagnato con un potenziamento del Next generation Eu almeno fino al 2030 per renderlo coerente con gli obiettivi del Green deal”. Ad affermarlo la vicesegretaria generale della Cgil, Gianna Fracassi, in audizione davanti alle commissioni riunite Ambiente, Trasporti e Attività produttive, in merito agli Atti dell'Unione europea rientranti nel pacchetto denominato ‘Pronti per il 55%’.
 
Per la dirigente sindacale “la revisione del sistema di scambio di quote di emissione contiene un problema: continua a seguire una logica di mercato, quando a fronte di questa nuova emergenza, si sta provando ad intervenire con una logica diversa, quella della sovranità e dell'autonomia dell’Unione Europea”. Inoltre, sottolinea Fracassi “se vogliamo raggiungere la decarbonizzazione e rafforzare l’indipendenza energetica sarà fondamentale investire nelle fonti rinnovabili e nell'efficienza energetica".
 
“Tutto ciò non potrà prescindere da un piano per la giusta transizione, che significa incentivi condizionati e finalizzati, nuovi investimenti, adeguate politiche fiscali e finanziarie, della formazione e riqualificazione e della ricerca, misure specifiche sugli ammortizzatori sociali, oltre a politiche industriali per sostenere gli obiettivi del pacchetto europeo. Questo quadro - conclude la vicesegretaria generale della Cgil - sarà indispensabile per non scaricare i costi della transizione sui lavoratori e le lavoratrici e sulle fasce di popolazione più debole”.