CGIL
CGIL

Mai più fascismi: anche le mafie possono approfittarne - Instant book

  • a
  • a
  • a

Contributi di Rosy Bindi, Paolo Borrometi, Massimo Bray, Giancarlo Caselli, Nando Dalla Chiesa, Angelo Ferracuti, Giuseppe Giulietti, Tomaso Montanari, Marco Omizzolo, Antonio Parisella, Igiaba Scego, Salvatore Settis, Luciano Silvestri, Carlo Smuraglia, Lia Tagliacozzo

L’assalto fascista del 9 ottobre alla sede della Cgil Nazionale ci consegna la responsabilità di costruire una risposta capace di guardare oltre la splendida reazione democratica culminata con la manifestazione unitaria organizzata da Cgil, Cisl e Uil e di dare ad essa continuità.

La decisione di pubblicare questi quindici brevi contributi di personalità attente ed impegnate nella difesa dei valori e dei principi costituzionali vuole avere innanzitutto questo significato. Ma per dare continuità e per non sottovalutare quanto sta accadendo nel corpo sociale del nostro Paese siamo convinti della necessità di offrire alle nostre strutture, ai nostri quadri sindacali strumenti di lavoro e di riflessione.

Questa raccolta ci consente di avere a disposizione una opportunità importante. Ci consente di rafforzare un cammino per la costruzione di una rete più ampia possibile di persone ma anche di associazioni, di istituzioni che faccia fronte comune per affermare i valori democratici declinati nella nostra Carta Costituzionale e contrastare questa pericolosa recrudescenza di atteggiamenti fascisti. Tutti insieme dobbiamo dare continuità al nostro impegno senza tralasciare nessun ambito della vita sociale e politica: dalla cultura alla partecipazione alla vita democratica, dalla gestione della cosa pubblica alla scuola, dalle condizioni di lavoro al disagio sociale.

Ringraziamo tutti coloro che, scrivendo le brevi ma intense riflessioni che pubblichiamo, hanno accolto il nostro invito offrendoci un contributo per noi molto prezioso che ci spinge a guardare lontano.

Giuseppe Massafra, segretario confederale Cgil

→ Istant book - Mai più fascismi: anche le mafie possono approfittarne. A cura di Collettiva, Futura editrice

SCARICA PDF