CGIL
CGIL

Pensioni, nella manovra solo peggioramenti e nessun impegno elettorale mantenuto

‘Pensioni, i conti non tornano!' © Marco Merlini / Cgil Roma, 2 dicembre 2017 Corteo da piazza della Repubblica a piazza del Popolo Manifestazione nazionale ‘Pensioni, i conti non tornano!'
Foto: © Marco Merlini
  • a
  • a
  • a

Tagliati anche i fondi per lavoratori precoci e per l'uscita anticipata nelle Pmi in crisi; un altro 3% in meno di rivalutazione delle pensioni, nessun ripensamento sull'abrogazione di opzione donna e su quota 103  


Roma, 23 dicembre - "Con la manovra di bilancio in dirittura d'arrivo, degli impegni assunti dal Governo sulle modifiche in tema previdenziale non si vede traccia". Lo afferma il segretario confederale della Cgil, Christian Ferrari. 

Sulla rivalutazione delle pensioni, il taglio continua a essere pesante: 3,5 miliardi in meno nel solo 2023, 17 miliardi in meno nel triennio. La rimodulazione della percentuale di rivalutazione, che alza dall’80% all’85% le pensioni tra 4 e 5 volte il trattamento minimo, è insignificante: 8 euro lorde al mese in più di media. E si riduce ancora del 3% la percentuale per i redditi di pensioni superiori a 5 volte il trattamento minimo. Stiamo parlando non della pensione dei ricchi, come ha sostenuto la presidente del Consiglio, ma degli assegni di impiegati e operai specializzati che hanno lavorato e versato contributi per 40 e più anni. 

Su opzione donna, nessun cambiamento. Un’abrogazione, di fatto, della misura. Riguarderà appena 870 persone, secondo le nostre analisi. 

Nessuna marcia indietro neppure su "Quota 103", cui si accede con almeno 62 anni. Altro che "Quota 41", che doveva prescindere dall'età anagrafica. I pochi che vi accederanno supereranno a stento le 10.000 unità. 

Secondo Christian Ferrari, segretario confederale Cgil "le cattive sorprese non sono finite: hanno deciso di tagliare di 80 milioni di euro le risorse per i lavoratori "precoci" e abrogato il fondo per l'uscita anticipata nelle Pmi in crisi, recuperando ulteriori 200 milioni di euro. Altro che potenziamento delle misure, altro che superamento della legge Fornero, che invece torna in vigore per la quasi totalità delle lavoratrici e dei lavoratori".

"Il nostro giudizio - prosegue Ferrari - è radicalmente negativo. Non c'è nessuna promessa elettorale rispettata in queste scelte. Sulle pensioni si fa cassa, e nulla più, lasciando senza risposte: donne, giovani, lavoratori precoci e chi svolge un lavoro gravoso. A loro si sottraggono risorse, anziché sostenerli. Siamo ben lontani da quello che servirebbe: una vera riforma del nostro impianto pensionistico, attraverso l’uscita flessibile a partire dai 62 anni, il riconoscimento della diversa gravosità dei lavori, la pensione di garanzia per i giovani e per chi ha carriere discontinue e povere, il riconoscimento del lavoro di cura e della differenza di genere, l’uscita con 41 anni di contributi senza limiti di età. Anche per questo, insieme alla Uil, ci siamo mobilitati e abbiamo scioperato. Siamo rimasti inascoltati, ma - conclude il segretario confederale della Cgil - continueremo a batterci, e al tavolo del 19 gennaio con il Governo andremo con la chiarezza delle nostre posizioni".

Leggi anche

CGIL, i veri numeri delle scelte previdenziali del Governo

Quota 103 per pochi (11.340, per tutti gli altri resta la Legge Fornero), abolita di fatto Opzione donna, nessuna risposta per i giovani, 17 miliardi in meno in 3 anni per la rivalutazione delle pensioni. Christian Ferrari: “Gli slogan elettorali si rivelano ancora una volta pubblicità ingannevole"