“ABITIAMOLA” – Newsletter n° 4/2018


Abitiamola 4_2018Periodico di informazione ed approfondimento curato dall’Ufficio Politiche Abitative e dello Sviluppo Urbano, Area delle Politiche per lo Sviluppo, CGIL nazionale.

In questo numero:
■ La fase storica attuale è attraversata da due profonde transizioni: quella ambientale e quella tecnologica. Entrambe incideranno profondamente nei modelli di vita, nell’economia e nel lavoro. La Piattaforma integrata della CGIL prova a tenere insieme gli obiettivi dello sviluppo sostenibile e la tutela e la creazione di lavoro.
■ Il tema del patrimonio edilizio esistente è un elemento fondante nelle politiche urbane, centrali nel processo di sviluppo economico, ambientale e sociale orientato ad un obiettivo generale di sviluppo sostenibile. Cgil, Spi Cgil, Fillea Cgil, Sunia lanciano una “Vertenza urbana” che coniughi riqualificazione del patrimonio, contenimento dei consumi energetici, lavoro.
■ ASviS e Urban@it hanno pubblicato la versione definitiva del documento “l’Agenda Urbana per lo sviluppo sostenibile, obiettivi e proposte” che propone un programma basato sugli SDGs, adotta gli indicatori Eurostat sul grado di urbanizzazione e analizza la correlazione tra i 17 Obiettivi Onu e i 12 temi prioritari dell’Agenda urbana per l’Ue.

Studi e ricerche
Da smart a green cities, Studio Market research future;
Citta sostenibili: buone pratiche nel mondo, Studio GSE;
Stili di vita sostenibile, Indagine di Eumetra MR per LifeGate.

Notizie dalle categorie e dalle associazioni:
Unione degli Universitari: studenti che vivono nelle abitazioni dei genitori, commenti al Rapporto Eurostudent.
Sunia: A Firenze. Campagna “Contratto sicuro”. Affittare secondo le regole.

Notizie dai territori:
Basilicata: Avviso pubblico per il contrasto al disagio abitativo; Campania: edilizia residenziale per categorie svantaggiate; Lombardia: a Milano il primo edificio a basso impatto energetico; Puglia: graduatoria del bando per la rigenerazione urbana; Veneto: a Treviso progetto Ue per ridurre i consumi nell’edilizia pubblica