Tlc: sindacati, al tavolo su call center assente Di Maio


Roma, 18 luglio – Nei giorni scorsi “è stato convocato per la giornata odierna il tavolo di settore delle Tlc, con le confederali e Asstel, alla presenza del ministro Luigi Di Maio. Questa mattina il tavolo, invece, è stato allargato ai sindacati autonomi – scarsissimamente presenti nel settore – e non c’era traccia del ministro Di Maio”. Così si legge in una nota congiunta Cgil, Cisl, Uil con le categorie Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil in cui si spiega che si è trattato alla fine di un appuntamento “replica esatta di altri due incontri svolti sempre presso il Mise. Un appuntamento che, evidentemente, ha il solo obiettivo di prendere altro tempo e non di discutere dei problemi concreti del settore”.

Le organizzazioni sindacali ribadiscono “in ogni occasione quali sono i problemi da affrontare, anche presentando una Piattaforma scritta alle Istituzioni”, continua la nota, e spiegano che si tratta di risolvere i problemi legati alle delocalizzazioni delle attività, al costo del lavoro, al dumping contrattuale, alla mancanza di ammortizzatori sociali stabili e certi, alla corretta applicazione delle clausole sociali, a un progetto di formazione adeguata a traghettare il settore verso la necessaria digitalizzazione”.