Sulla esclusione del trasporto aereo dallo sciopero generale del 24 ottobre 2003


Ancora una volta la Commissione di Garanzia dimostra di allontanarsi sempre di più dalla suaoriginaria funzione che era quella di garantire, in eguale misura, i diritti della persona ad usufruire dei servizi essenziali ed il diritto dei lavoratori ad effettuare lo sciopero.

E’ inaccettabile, anche alla luce delle linee di indirizzo recentemente emanate in materia di sciopero generale, mettere sullo stesso piano, ai fini del rispetto del principio della “rarefazione oggettiva “, lo sciopero dichiarato dall’ Anpcat nel settore dei controllori di volo, e quello generale di CGIL CISL e UIL.

Poiché è evidente a chiunque che i due eventi non sono in alcun modo comparabili, la posizione della Commissione si pone più come tentativo di disturbare l’effettuazione dello sciopero che come oggettiva valutazione dei fatti ai fini della corretta applicazione della legge. Il 24 ottobre lo sciopero sarà generale e quindi parteciperanno anche i lavoratori del trasporto aereo. La Commissione non cessa dunque di dilatare la propria funzione , introducendo nel nostro ordinamento una cosa che non esiste: l’autorizzazione preventiva allo sciopero. Per quanto ci riguarda proseguiremo la nostra iniziativa, a tutti i livelli affinché, la Commissione operi entro i limiti che la legge gli assegna con un ruolo effettivo di garanzia per tutte le parti in causa.