‘STOP Caporalato’ parte oggi la campagna FILLEA e FLAI CGIL


‘STOPCAPORALATO’, è questo il nome della campagna promossa dalle categorie CGIL degli edili e dell’agricoltura, FILLEA e FLAI, a sostegno della proposta di legge per rendere il caporalato un reato perseguibile penalmente. La Campagna verrà presentata lunedì 24 gennaio a Roma, presso il Teatro Ambra Jovinelli in via Guglielmo Pepe, 31 alla presenza del Segretario generale Susanna Camusso, che concluderà i lavori. L’evento che sarà trasmesso in diretta dalla CGILtv a partire dalle ore 9.30 sul sito CGIL.it, potrà essere visualizzato su altri siti attraverso il link alla pagina e il codice embed che forniamo di seguito.

La campagna è stata ritenuta necessaria poiché il crimine del caporalato, particolarmente diffuso in agricoltura e in edilizia, settori nei quali sono coinvolti centinaia di migliaia di lavoratori, soprattutto migranti, privati di ogni diritto e ridotti in schiavitù, viene punito con una sanzione amministrativa di appena 50 euro. Per combattere questo fenomeno, sempre più diffuso e sempre più controllato dalla criminalità organizzata, FILLEA e FLAI, insieme alla CGIL, propongono, quindi, al paese e alle forze politiche di inserire nel codice penale il reato di caporalato e di perseguire penalmente chi sottopone i lavoratori allo sfruttamento e alla riduzione in schiavitù.

La presentazione della proposta di legge prevede la proiezione del video ‘STOP CAPORALATO’, realizzato dagli uffici Comunicazione di FLAI e FILLEA e dal portale della CGIL, sulla condizione dei lavoratori e delle lavoratrici nei settori dell’agricoltura e dell’edilizia e illustrazione della proposta di legge con gli avvocati;  alle ore 10.00 una tavola rotonda condotta da Paolo Serventi Longhi, direttore di Rassegna Sindacale, cui prenderanno parte i Segretari Generali di FLAI e FILLEA, Stefania Crogi e Walter Schiavella; il Procuratore Generale Onorario della Cassazione, Pier Luigi Vigna; il membro del Consiglio Superiore della Magistratura, Guido Calvi; il Presidente della FNSI, Roberto Natale; l’on. Cesare Damiano, la sen. Anna Maria Carloni.

Al termine della tavola rotonda, l’attore Giorgio Pasotti interagirà con due lavoratori, uno agricolo e l’altro edile, che hanno vissuto sulla propria pelle il caporalato e lo sfruttamento. Previste per le 12.30 le conclusioni del Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso, che successivamente incontrerà la stampa, insieme a Walter Schiavella e Stefania Crogi, per illustrare più nel dettaglio le condizioni del lavoro in edilizia ed agricoltura e la campagna “STOPCAPORALATO”.

Info tecniche per diretta:

Per visualizzare la diretta video in altri siti, forniamo qui di seguito: link pagina e codice embed.

Link: www.cgil.it/tv

Codice embed: clicca qui