Scioperi: Colla (Cgil), serve legge su rappresentanza


Roma 28 novembre – “La legge 146/90, che regolamenta il diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali, è una buona legge che ha funzionato e continua a farlo, per questo va difesa, serve però una legge sulla rappresentanza”. È quanto ha detto il segretario confederale della Cgil, Vincenzo Colla intervenendo al seminario nazionale sul diritto di sciopero organizzato dalla Cgil e dalla Filt che si è tenuto oggi a Roma.
Per il segretario del sindacato di Corso d’Italia “il tema del diritto di sciopero continuerà ad essere al centro del dibattito politico anche nella prossima legislatura”. Per questo motivo Colla ha invitato il presidente della Commissione di Garanzia sugli Scioperi, Giuseppe Santoro Passarelli (intervenuto  al seminario), “a presentare insieme al sindacato, unitariamente, un avviso comune per chiedere al prossimo Parlamento una legge sulla rappresentanza”.
Il segretario confederale della Cgil ha ribadito nel suo intervento “la contrarietà al vincolo del referendum tra i lavoratori interessati per la proclamazione dello sciopero” come previsto da alcune recenti proposte di legge.
“L’attacco al diritto di sciopero – ha affermato infine Colla – caratterizza tutta Europa e non solo il nostro paese e quando vengono intaccati i diritti dei lavoratori sono a rischio i diritti costituzionali a partire da quello di sciopero”.