A Piazza del Popolo, dalle ore 14 alle 17. Conclude Camusso
PER INFO: WWW.CON2SI.IT
I QUESITI: Voucher e Appalti
GLI SPECIALI DI Rassegna.it e RadioArticolo1

MATERIALI con data referendum


MATERIALI - SPOT AUDIO 1 - 2
FIRMA per sostenere la campagna elettorale
11 febbraio giornata nazionale campagna referedum - VIDEO 22 febbraio parte il viaggio dei camper del Comitato per il SÌ
Studenti a sostegno della campagna referendaria #con2sì: 'Vogliamo diritti! In bilico tra studio e lavoro, oltre precarietà e sfruttamento'



image1

Referendum Lavoro: si vota il 28 maggio. 8 aprile manifestazione nazionale a Roma

ASCOLTA  #Con2Si Al lavoro. Alla lotta. Al voto, il 28 maggio. Parla Susanna Camusso, Cgil


Al voto il prossimo 28 maggio. Il Consiglio dei Ministri riunitosi il 14 marzo, dopo 46 giorni dalle motivazioni della Consulta, ha finalmente indetto la data dei referendum popolari proposti dalla Cgil contro i voucher e per la piena responsabilità solidale negli appalti.

“Ora avanti con la campagna elettorale, ci prepariamo a questa sfida. Abbiamo davanti un periodo impegnativo e lo utilizzeremo in tutti i modi”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, dopo la decisione del CdM.

“Abbiamo proposto l’election day e rinnoviamo questa richiesta. Vista la data scelta – prosegue Camusso – sarebbe possibile  far coincidere il referendum con le elezioni amministrative e non perché ci preoccupa il quorum. I Comuni al voto non sono tantissimi, sarebbe solo una scelta oculata, in un’ottica di finanza pubblica”.

Inoltre, secondo la leader della Cgil “è sconcertante che il tema degli appalti sia considerato meno rilevante di quello dei voucher”, visto che “il lavoro negli appalti è in crescita e il degrado in questo sistema è oggetto di tanta cronaca”. Quindi, avverte Camusso, “qualunque operazione il Governo intendesse fare dovrà essere riguardare entrambi i problemi. Concentrarsi solo su un quesito – conclude – indica la volontà di un indebolimento del giudizio popolare”.

Intanto, la campagna referendaria: Libera il lavoro Con 2 Sì Tutta un’altra Italia, prosegue e si intensifica. Anche perché i tempi tecnici per fissare la data della consultazione (60 giorni dalla decisione della consulta) stanno oramai per scadere e a breve si conoscerà la data dei referendum.

Per l’8 aprile a Roma è prevista una grande manifestazione nazionale indetta dal Comitato nazionale per il Sì ai Referendum per il lavoro. L’appuntamento è a Piazza del Popolo a partire dalle ore 14 sino alle ore 17. Le conclusioni dal palco saranno affidate al segretario generale della Cgil, Susanna Camusso.

Ma da qui all’8 aprile, saranno tante le iniziative su tutto il territorio nazionale. Il 22 marzo, alle ore 18, si terrà a Roma, presso la Casa del Cinema, in largo Mastroianni 1, “Sì va in scena”: un incontro tra attori, registi, sceneggiatori, lavoratrici e lavoratori del mondo dello spettacolo e della cultura con Susanna Camusso.

Altre iniziative coinvolgeranno nelle prossime settimane il mondo dell’associazionismo, dello sport, quello cattolico e religioso. Incontri ed assemblee sono previste nelle scuole, nelle università e nei luoghi di lavoro, nei musei e parchi archeologici.

Per parlare con i cittadini che saranno chiamati al voto si terranno iniziative nei mercati, nei centri commerciali e nei centri anziani. Previsto perfino un lavoro di “Porta a porta” nei caseggiati di tutto il territorio nazionale.