Rapporto CEDAW ‘Lavori in corso’


La Piattaforma italiana CEDAW Lavori in Corsa (formata da oltre 26 organizzazioni di donne e singole esperte presenti sul territorio nazionale) sullo stato di attuazione da parte dell’Italia della Convenzione ONU per l’Eliminazione di Ogni Forma di Discriminazione nei Confronti della Donna (CEDAW) ha contribuito attivamente all’individuazione delle criticità contenute nel VII Rapporto periodico dell’Italia sulla CEDAW e le ha poste all’attenzione del Comitato per l’applicazione della CEDAW in occasione della Sessione preliminare (ottobre 2016).

La Piattaforma ha inoltre elaborato un Rapporto Ombra che è stato consegnato all’ONU, al Comitato CEDAW nel giugno 2017, nel quale, a partire dal rapporto del Governo italiano, ha messo in luce criticità, inadempienze e formulato raccomandazioni per migliorare la condizione delle donne nel nostro Paese tra cui il lavoro, i servizi, la violenza sulle donne, e la rappresentanza.
La Piattaforma italiana CEDAW Lavori in Corsa era presente il 3 e 4 luglio a Ginevra in occasione della discussione del VII Rapporto periodico sull’implementazione della Convenzione per l’Eliminazione di ogni forma di Discriminazione contro le Donne che il Governo italiano ha presentato sul periodo 2012-2017. Le rappresentanti della Piattaforma, presenti a Ginevra, hanno fornito al Comitato CEDAW elementi per la valutazione della qualità e della veridicità delle informazioni fornite dal Governo circa l’applicazione della Convenzione in Italia.

La CGIL ha contribuito alla stesura del Rapporto, curando la parte inerente i “Diritti delle donne in materia di lavoro” e “Il sistema di welfare e le donne”.

Leggi il testo completo del Rapporto:

CEDAW

37 anni fa, il 3 settembre 1981, alle Nazioni Unite entrava in vigore la CEDAW, la Convenzione per l’Eliminazione di ogni forma di Discriminazione nei confronti delle Donne, riconoscendo la specificità delle discriminazioni che le donne subivano nell’accesso e nel godimento dei diritti umani. È uno dei pilastri delle del diritto internazionale e negli anni questa convenzione si è ampliata con raccomandazioni specifiche perché è maturata la consapevolezza sulle discriminazioni e le forme di violenza a cui le donne sono sottoposte. Nel 1993 all’ONU si è ulteriormente chiarito che i diritti umani sono diritti delle donne.

Negli anni tutte le organizzazioni della società civile del mondo hanno lavorato per far diventare la Convenzione CEDAW uno strumento attivo, capace di eliminare le limitazioni alla partecipazione ad una vita piena ed attiva delle donne, nel mondo. In particolare dal 2009 al 2011 abbiamo lavorato utilizzando la CEDAW per valutare le discriminazioni e le violenze che subiscono le donne in Italia in un “rapporto ombra” con altre associazioni, che abbiamo presentato proprio all’ONU nel 2011, al comitato CEDAW.

Le nostre osservazioni sono state integrate nelle raccomandazioni che l’ONU ha fatto al governo italiano per superare i propri limiti…che purtroppo ad oggi ancora rimangono. Se siete curiosi di conoscere il lavoro che abbiamo svolto potete andare a vedere la sintesi del rapporto ombra.

Scarica il rapporto