Pubblicate sulla gazzetta ufficiale le procedure ed i termini per il riconoscimento del danno da utilizzo o esposizione all’uranio impoverito


La pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del DPR n.37 del 3 marzo 2009 definisce finalmente le procedure ed i termini di presentazione delle domande per ottenere il riconoscimento del danno subito per utilizzo o esposizione all’uranio impoverito. Il regolamento di attuazione della legge n. 244 del 24/12/2007 entrerà in vigore il 6 maggio 2009.

Possono godere del riconoscimento e dell’indennizzo, sia militari che hanno usato o custodito munizionamenti con uranio impoverito, ma anche cittadini civili che hanno subito esposizioni a radiazioni da uranio impoverito o risiedono e abitano in vicinanza di depositi di tali munizionamenti.

La platea di militari, volontari civili che hanno partecipato e partecipano a missioni italiane all’estero è pertanto numerosissima e ugualmente è tale la platea di militari, civili e cittadini che possono essere venuti in contatto in Italia con uranio impoverito e che presentino danni biologici accertati o da accertare conseguenti alla esposizione a radiazioni ionizzanti. Per potere organizzare una adeguata assistenza a questa grande platea di persone l’Inca ha organizzato un servizio presso tutte le proprie strutture.

La CGIL e l’INCA sono disponibili a qualsiasi incontro di carattere organizzativo e tecnico per approfondire la conoscenza del problema e lanciare l’iniziativa in tutti i territori. Ci attiveremo contemporaneamente per informare della nostra iniziativa tutte le associazioni dei militari e le Rappresentanze Militari dei Cocer delle varie armi, che sono da tempo fortemente interessati al grave problema della esposizione a radiazioni da uranio impoverito. Sarà quindi possibile ed auspicabile che queste organizzazioni o loro singoli rappresentanti vengano in contatto con le nostre strutture INCA o CGIL.