PROGETTO RIGHTS WITHOUT BORDERS

l’Azione – su finanziamento dell’Unione europea – mira a formare ed informare le autorità amministrative e le parti sociali di 4 Stati membri (Italia, Romania, Slovenia, Ungheria) sulle procedure di controllo e di coordinamento a garanzia dei diritti fondamentali dei lavoratori distaccati, di una giusta e corretta applicazione della Direttiva n. 96/71 e della Direttiva n. 2014/67 (entrambe sul distacco transnazionale dei lavoratori), al fine di eliminare fenomeni distorsivi, causa spesso di dumping sociale e concorrenza sleale fra le imprese. Sulla base delle esperienze maturate nei settori interessati dal Progetto (costruzioni, trasporti, turismo e servizi) si intende predisporre un programma di studio come base di informazione e formazione congiunta di amministratori/ispettori e sindacalisti degli Stati membri coinvolti.