Ponte Genova: Colla, Cgil, su decreto ricostruzione un brutto inizio. Toninelli apra tavolo


(U.S. Cgil) – Roma, 14 sett – “Prendiamo atto che anche il ‘governo del cambiamento’ ha seguito la vecchia pratica della disintermediazione con la rappresentanza sociale, è un brutto inizio”.

Vincenzo Colla, segretario confederale Cgil, commenta da Lecce – dove la Cgil è riunita per le sue Giornate del Lavoro caratterizzate oggi da #1minutodisilenzio per le vittime di #Ge – il metodo di ‘fare tutto da solo’ utilizzato dal Governo per il varo del decreto su Genova e per la messa in sicurezza della rete nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti. Un metodo – fa rilevare Colla – già sperimentato in precedenza con danni ai lavoratori ed al Paese”. Per questo chiede al ministro delle Infrastrutture Toninelli di “convocare un tavolo di confronto con tutte le parti sociali”.

Il segretario Cgil sottolinea come sotto le macerie del ponte Morandi siano rimaste vittime alcuni lavoratori e oggi sono a rischio molte imprese con centinaia di lavoratori. “Ecco perché – assicura – la Cgil è pronta a fare la sua parte, come già enunciato dalla Fillea e dalla Filt, fornendo ampia disponibilità, in termini di orari, per la ricostruzione rapida del nuovo ponte. La ricostruzione è urgentissima – afferma Colla – non sono accettabili rinvii, né contrapposizioni o pregiudizi. Si può derogare ai vincoli delle tempistiche, precisa Colla, ma non alle regole previste dal codice degli appalti. Ciò per evitare speculazioni, infiltrazioni malavitose e fenomeni di corruzione”.

Genova “deve rinascere” è l’impegno del segretario confederale, “col lavoro e lo sviluppo necessari al maggiore porto commerciale e turistico italiano. Al Paese e necessario un forte impulso in infrastrutture come porti, ferrovie, autostrade e logistica”.