Pensioni: sindacati, Quota 100 solo inizio, serve riforma


Roma, 28 marzo – L’introduzione di Quota 100, “pur consentendo a tanti lavoratori un accesso anticipato alla pensione nel prossimo triennio, rappresenta l’inizio di un percorso piu’ ampio”: e’ quanto affermano in una nota congiunta i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Roberto Ghiselli, Ignazio Ganga e Domenico Proietti, rilanciando la necessita’ di affrontare “una vera riforma del sistema”, a cominciare da “una reale flessibilita’ per tutti” per l’accesso alla pensione da 62 anni. Oltre a consentire – rimarcano – l’uscita anticipata con 41 anni di contributi, a riconoscere ai fini previdenziali il lavoro delle donne e di cura, i lavori gravosi e usuranti e a garantire ai giovani e a coloro che hanno percorsi lavorativi deboli e discontinui assegni pensionistici “adeguati”.

Per questo, Cgil, Cisl e Uil “chiedono al governo di avviare un confronto sui temi previdenziali, per dare cosi’ risposte concrete alle attese di milioni di cittadini italiani e sono impegnati a dare continuita’ all’iniziativa di sostegno alla loro piattaforma”.

Il percorso piu’ ampio a cui fanno riferimento Cgil, Cisl e Uil e’ quello “descritto” nella piattaforma unitaria di ottobre scorso “che si e’ provato a tratteggiare in una serie di emendamenti che, purtroppo, non hanno trovato alcun riscontro nelle decisioni del governo e nell’iter parlamentare di conversione del decreto”. I sindacati fanno quindi riferimento agli altri aspetti del sistema previdenziale ancora da affrontare, tra cui anche la richiesta di istituire la commissione sui lavori gravosi e usuranti e la commissione per l’analisi della composizione della spesa previdenziale e assistenziale; dare la piena rivalutazione alle pensioni; risolvere “definitivamente” la questione esodati; promuovere lo sviluppo della previdenza complementare tramite i fondi pensione contrattuali per tutti i lavoratori.