Pensioni: Cgil, bene disponibilità Governo, servono ulteriori risposte


Roma, 14 ottobre – “Un incontro utile che ci ha permesso di acquisire disponibilità importanti, ma non sufficienti, da parte del Governo. Apprezziamo l’impegno a proseguire il confronto, a partire dall’appuntamento in sede tecnica di questo pomeriggio, e la conferma di un incontro tra qualche settimana per discutere della riforma complessiva del sistema”. Così il segretario confederale della Cgil Roberto Ghiselli al termine dell’incontro di questa mattina con il Ministero del Lavoro sugli interventi in materia previdenziale da inserire nella prossima Legge di bilancio.

Nello specifico, il segretario confederale spiega quali sono le misure presentate dal Ministero del Lavoro al Mef, in attesa di una valutazione di quest’ultimo, che vanno nella direzione indicata dai sindacati. “Bene la proroga di un anno di Opzione donna e Ape sociale, con l’allargamento della platea di quest’ultima a chi non percepisce la Naspi, così come la risoluzione dell’annoso problema della piena copertura previdenziale per il part time verticale, che spesso riguarda lavoratrici donne. Positivi, ma non sufficienti – sottolinea – gli impegni all’abbassamento della soglia attualmente prevista da 1000 a 500 dipendenti per il contratto di espansione, e a mantenere fino a 7 anni l’isopensione, valutando la possibilità di introdurre la Naspi per il primo periodo di uscita”.

Altra richiesta di Cgil Cisl Uil raccolta dal Governo, l’inserimento nell’Ape sociale e per i precoci della categoria di lavoratori ’fragili’, anche se va ancora definita con precisione la casistica.
“Il Ministro – continua Ghiselli – ha poi manifestato il proprio consenso alla definizione di un periodo di silenzio assenso per rilanciare l’adesione alla previdenza complementare, e annunciato la proroga dei termini per le due Commissioni di studio sulla separazione tra assistenza e previdenza e sui lavori gravosi e una norma per quanto concerne il fondo esattoriali. Altrettanto importante, come più volte abbiamo ribadito, aver confermato l’impegno per trovare una soluzione agli effetti negativi del Pil sulla rivalutazione del montante contributivo”.

“Non abbiamo invece ricevuto risposte – sottolinea il dirigente sindacale – su altre due nostre rivendicazioni, ovvero la risoluzione definitiva della questione esodati, che riproporremo a partire da questo pomeriggio, e l’estensione della quattordicesima ai titolari di pensione inferiore ai 1500 euro”.

“Infine – conclude Ghiselli – è importante che il Ministro abbia confermato la disponibilità dell’Esecutivo di proseguire il confronto sulla riforma della previdenza”.