Pensioni: Camusso, confermiamo valutazione di grande insufficienza e mobilitazione

Il tavolo tra governo e sindacati aggiornato a martedì 21. Due nuove proposte su anzianità e Ape sociale. Camusso: le distanze restano evidenti, confermiamo la nostra valutazione di grande insufficienza e mobilitazione.


Il confronto sulle pensioni tra governo e sindacati è stato rinviato a martedì 21 novembre, alle 9.30. Oggi, 18 novembre, il premier Paolo Gentiloni ha presentato due nuove proposte a Cgil, Cisl e Uil: lo stop al rialzo dell’età pensionabile anche per le pensioni di anzianità e un fondo per la proroga dell’Ape sociale.

“Dal punto di vista degli impegni assunti dal governo nel settembre 2016 rispetto alla fase due, le distanze mi paiono evidenti”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, al termine del confronto. “Troppo ristretta – ha detto -, anche con la proposta fatta oggi, la platea dei beneficiari delle agevolazioni sull’aumento dell’età per la pensione”.
Leggi l’articolo integrale su Rassegna.it