Ospedale: in corsia lezioni di masterplan


Ci sono in Italia centinaia di insegnanti – soprattutto nella scuola elementare e media – che vanno a insegnare in Ospedale.
Lavorano per tenere dentro il sistema scolastico i bambini e gli studenti malati ( la malattia è una delle cause della dispersione scolastica) e per dare un contributo fondamentale allo stesso processo di cura, portando negli ospedali l’attenzione psicologica, il messaggio di futuro e di speranza, che è una componente essenziale della professionalità degli insegnanti più consapevoli e motivati.
Le scuole e gli insegnanti che partecipano a queste esperienze hanno colto con anticipo due messaggi fondamentali della scuola dell’autonomia: la personalizzazione dei percorsi di insegnamento, che deve partire proprio dai soggetti più deboli ed esposti al rischio di abbandono scolastico; l’integrazione con il territorio, in questo caso l’Ospedale e le strutture di cura, perché condizione della riuscita dell’intervento educativo, è che tutta la struttura ospedaliera – i medici, gli infermieri diventino parte dello stesso progetto formativo.
Ora la scuola dell’autonomia che nasce, la scuola della riforma, devono estendere e dare certezze alla scuola in Ospedale, fino ad oggi tenuta in piedi dalla volontà e dalla tenacia degli operatori scolastici e del personale ospedaliero che le hanno promosse. Innanzitutto costruendo un modello organizzativo stabile e comprensivo, mettendo in rete sul territorio le scuole e considerando la specificità di queste esperienze nella determinazione degli organici e nei piani di dimensionamento nelle scuole.
Occorre inoltre prevedere percorsi di formazione integrati per gli operatori scolastici e sanitari e incentivare le aziende sanitarie che aprono le loro porte, che mettono a disposizione spazi per i percorsi educativi.
La valenza sociale di queste esperienze, il loro carattere integrato (richiedono infatti una concertazione stabile fra amministrazioni diverse), fanno della scuola in ospedale un tema esemplare della logica del master plan, che è stato costruito proprio per integrare risorse, competenze, culture diverse, nella logica della estensione e della qualificazione del sistema formativo del nostro paese.