Mattarella: Camusso, discorso alto e condivisibile


Roma, 1 gennaio – “Un discorso alto e condivisibile”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, commenta il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Come ha sottolineato il Presidente Mattarella – afferma Camusso – la Costituzione con il suo patrimonio di valori, di principi e regole, costituisce la nostra casa comune. In essa il lavoro assume un ruolo centrale ed è apprezzabile che nel suo discorso il Presidente si auguri di trovarlo in ogni famiglia e, ancor più significativo, che chieda un lavoro dignitoso, tutelato, sicuro e dotato di diritti”.

“Così non è stato – aggiunge Camusso – nel quinquennio passato. La XVII legislatura, con interventi legislativi punitivi nei confronti del lavoro, ha abbassato le tutele e diminuito I diritti, reso il lavoro più debole e attaccato esplicitamente il sindacato confederale.
Gli effetti non sono stati l’aumento dell’occupazione stabile, l’arrivo di multinazionali, la qualificazione professionale, ma esattamente il loro opposto”.

“La precarietà – prosegue il segretario generale della Cgil – è aumentata ed è diventata, in molti casi, una vera e propria forma di sfruttamento, quando non di schiavismo. La povertà è aumentata e oggi coinvolge drammaticamente anche le famiglie in cui un lavoro c’è. La dispersione scolastica e la fuga delle competenze sono aumentate al punto che i giovani ormai lasciano il nostro Paese o prospettano di farlo anche solo per trovare un lavoro, pur che sia, dignitoso e rispettoso delle proprie capacità”.

“È giusto dunque – conclude Camusso – l’auspicio del Presidente, a cui vanno la stima e gli auguri di tutta la Cgil. Ci auguriamo che la prossima legislatura sappia dialogare con il sindacato confederale, correggere le storture e gli errori di quella passata e dare una prospettiva di lavoro a chi risiede nel nostro Paese e in particolare ai giovani”.