Lavoro: Cgil, subito misure in legge di Bilancio per fronteggiare crisi occupazionale


Roma, 2 dicembre – “Impietosi i dati Istat: tra ottobre 2019 e ottobre 2020 abbiamo perso 473mila occupati, dato determinato soprattutto dalla flessione dei lavoratori a termine (-381 mila). La disoccupazione giovanile sale di 0,6 punti percentuali, rispetto a settembre, raggiungendo il 30,3%. Per evitare che il già debole dato occupazionale subisca ulteriori peggioramenti servono subito interventi, così da fronteggiare anche la scadenza del blocco dei licenziamenti”. Lo afferma la segretaria confederale della Cgil, Tania Scacchetti.

“Occorre fare in fretta – prosegue la dirigente sindacale – e fare in modo che già la prossima legge di Bilancio produca norme tutelanti. Devono essere incentivati – sottolinea – i Contratti di Solidarietà difensivi, meno onerosi rispetto all’integrazione salariale della Naspi e maggiormente utili per contenere i costi sociali che derivano dall’aumento della disoccupazione e dal disagio sociale che ne consegue”.

“Inoltre – conclude Scacchetti – è necessario che il Governo dia priorità ad investimenti che possano generare effetti immediati sull’occupazione, oltre a prevedere piani straordinari nei settori pubblici a partire da sanità e istruzione”.