Lavoro: Cgil, iniziativa “Quale futuro per le politiche attive?”


Si è tenuta oggi (8 luglio), l’iniziativa dal titolo “Quale futuro per le politiche attive del lavoro?”. La webinar, promossa dalla Cgil, è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della Cgil Nazionale. (Scarica il programma)

“Nella situazione attuale, condizionata fortemente dalla crisi pandemica, crediamo sia ancor più indispensabile – sottolinea la Cgil – proseguire un confronto serio con la politica e con le Istituzioni per rilanciare e potenziare le politiche attive del lavoro nel nostro Paese. Tali servizi – aggiunge il sindacato di corso d’Italia – vanno resi disponibili ai tanti lavoratori che rischiano di essere espulsi dal mercato del lavoro, per sostenere i soggetti in percorsi di formazione e riqualificazione, per accompagnare le transizioni lavorative”.

In particolare la Confederazione si è confrontata con le Istituzioni sulla “condizione di grave precarietà” che vivono ancora oggi gli oltre 600 lavoratori di Anpal Servizi, nonostante l’importante accordo per la loro immediata stabilizzazione che l’Agenzia ha firmato con Cgil, Cisl e Uil lo scorso 13 febbraio. Inoltre è stata affrontata la condizione dei Centri per l’impiego, “che richiede oggi una soluzione definitiva e coraggiosa”.

Il dibattito, moderato da Corrado Barachetti, coordinatore Mercato del Lavoro Cgil Nazionale, è stato introdotto da Luca Meneguzzo, segretario Fisac Cgil Anpal Servizi. Hanno partecipato: Nicola Fratoianni, portavoce di Sinistra Italiana; Annamaria Parente, vice Presidente Commissione Lavoro del Senato; Susy Matrisciano, presidente Commissione Lavoro del Senato; Cristina Grieco, coordinatrice IX Commissione Conferenza delle Regioni; Marco Miccoli, responsabile Lavoro Pd; Debora Serracchiani, Commissione Lavoro della Camera dei Deputati; Francesca Puglisi, sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Le conclusioni sono state affidate a Tania Scacchetti, segretaria confederale Cgil.