Jobs Act: Cgil, soddisfazione per decisione Consulta, incostituzionale sistema indennizzo licenziamento


Roma, 25 giugno – “Esprimiamo soddisfazione per quanto deciso dalla Corte Costituzionale: è incostituzionale il sistema di indennizzo stabilito dal Jobs Act anche sul versante del risarcimento al lavoratore in caso di vizi formali del licenziamento”. Ad affermarlo la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti.

“In attesa delle motivazioni della sentenza della Corte costituzionale, che potrà chiarire la portata dell’illegittimità dell’art. 4 del decreto 23/2015, viene confermato – prosegue la dirigente sindacale – quanto da noi sempre sostenuto sull’inadeguatezza dell’impianto normativo di tale decreto, che ha sostanzialmente abrogato la reintegrazione nel posto di lavoro sostituendola con una inaccettabile monetizzazione dei danni subiti dai lavoratori in caso di licenziamento illegittimo”.