#IoAccolgo, appello al Parlamento e al Governo per l’abrogazione dei cosiddetti Decreti Sicurezza e Sicurezza bis e l’annullamento degli accordi con la Libia


Il comitato promotore della campagna “Io accolgo”, promossa dalla Cgil insieme ad altre 47 Associazioni della società civile, ha lanciato oggi (24 settembre) un appello al Governo e al Parlamento per chiedere una revisione complessiva delle norme sull’immigrazione.

Nell’appello vengono individuati alcuni provvedimenti che possono essere assunti da subito mediante un decreto legge: la reintroduzione del permesso di soggiorno per motivi umanitari; l’abrogazione della norma sulla residenza (iscrizione all’anagrafe) dei richiedenti asilo; modificare norme di legge e atti ministeriali sul sistema nazionale di accoglienza investendo sull’accoglienza diffusa (SPRAR) che ha subito un forte ridimensionamento. Occorre salvaguardare professionalità e posti di lavoro di migliaia di operatrici e operatori dell’accoglienza prevedendo il riconoscimento di specifici ammortizzatori sociali per tutto il settore sono e strumenti e percorsi di riqualificazione nei loro confronti; la cancellazione delle norme che, di fatto, sanzionano i salvataggi in mare.

L’appello può essere sottoscritto online sul sito www.ioaccolgo.it  e si propone come una opportunità per riaprire il dibattito nella società e nelle istituzioni per contrastare il clima di odio che in questi ultimi mesi si è diffuso nel nostro paese attraverso le politiche anti-migranti.

Scarica l’appello, clicca qui