Le iniziative di Rete degli Studenti e Udu per la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione


Roma, 3 ottobre – Un banco vuoto in ogni classe in memoria dei ragazzi e delle ragazze che hanno perso la vita nel Mediterraneo tentando di conquistare un futuro migliore, e iniziative nelle scuole e nelle università di tutto il Paese. Così Rete degli Studenti Medi e Unione degli Universitari celebrano oggi la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione.

“Il #3ottobre – ricorda l’Udu – è la data in cui nel 2013 un tragico naufragio a largo di Lampedusa causò la morte di 368 migranti, diventata quindi ‘Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione’. In questa data crediamo sia fondamentale riportare realmente l’attenzione sulla drammatica condizione dei migranti, immaginando soluzioni e risposte reali. Crediamo che non si possa accettare l’ipocrisia di una celebrazione fine a se stessa, quando a causa degli scellerati accordi con i trafficanti, i migranti vengono fermati nei centri di detenzione libici, nella totale violazione dei diritti umani. Con l’impossibilità per le ONG di operare, il Mediterraneo continua ad essere teatro di stragi, come quella del 21 settembre a largo delle coste libiche: una barca con oltre cento persone rimasta alla deriva per oltre una settimana prima di affondare.
Per questo motivo in occasione di questa ricorrenza, la Rete degli Studenti Medi e l’Unione degli Universitari, metteranno in campo azioni di sensibilizzazione nelle scuole e nelle università di tutto il Paese, per ricostruire consapevolezza ed evidenziare l’urgenza della tematica, a partire dai luoghi del sapere”.