Il licenziamento nel contratto a tutele crescenti: la sentenza n.194/18 della Corte Costituzionale


  1. Giovedì 8 novembre è stata pubblicata la sentenza n. 194 con cui la Corte costituzionale ha dichiarato illegittimo l’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n. 23/2015 sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, nella parte – non modificata dal successivo Decreto legge n. 87/2018, cosiddetto “Decreto dignità” – che determina in modo rigido l’indennità spettante al lavoratore ingiustificatamente licenziato: la previsione di un’indennità crescente in ragione della sola anzianità di servizio del lavoratore è, secondo la Corte, contraria ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza e contrasta con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 oltrechè 76 e 117 della Costituzione (questi ultimi due articoli in relazione all’ art. 24 della Carta sociale europea).

  2. Leggi il commento completo