Ideal Standard: Cgil, bene accordo, scongiurati 400 licenziamenti


Giudizio positivo della Cgil circa l’accordo raggiunto ieri in serata sulla vertenza Ideal Standard. “Abbiamo scongiurato 400 licenziamenti e tenuta aperta una prospettiva di reindustrializzazione per lo stabilimento di Orcenico di Zoppola, con la possibilità di rioccupare una parte dei lavoratori”, afferma il responsabile Settori produttivi del sindacato di corso d’Italia, Salvatore Barone, presente ieri al tavolo al Ministero del Lavoro.

La multinazionale, infatti, fa sapere il dirigente sindacale, “dopo resistenze inaccettabili, si è mostrata disponibile a cedere, a condizioni favorevoli, parte degli impianti insieme ad alcuni marchi e commesse”. Inoltre, prosegue Barone entrando nel merito dell’intesa, “ai lavoratori saranno riconosciuti incentivi all’esodo volontario fino a 30 mila euro per quelli con maggiore anzianità aziendale. La cassa integrazione in deroga accompagnerà fino a ottobre questi processi di reindustrializzazione, con la possibilità di una ulteriore proroga sulla quale si è impegnato il Ministero del Lavoro”.

Il sindacato guidato da Susanna Camusso esprime quindi soddisfazione per l’accordo raggiunto ma, precisa Barone, “rimane comunque sul tappeto il tema delle multinazionali che stanno riducendo presenza e impegno nel nostro Paese. Una questione che richiama, in maniera sempre più pressante, il bisogno di una nuova politica industriale sulla quale chiameremo il governo ad intervenire tempestivamente e con misure adeguate”, conclude Barone.