Jaber

Jaber (Babilonia, Iraq, 1948) Nasce in un villaggio vicino a Babilonia nel luglio 1948. Diciottenne, si trasferisce a Baghdad per seguire le lezioni dell’Istituto d’Arte. Diplomatosi nel 1970, stabilisce la sua residenza nella città santa di Karbala per dedicarsi all’attività didattica. Per eludere la repressione sistematica contro gli oppositori del regime e gli intellettuali, decide di lasciare l’Iraq per trasferirsi a Roma. In Italia dal 1972, prosegue la sua ricerca artistica seguendo i corsi di scultura di Emilio Greco e, dal 1975, quelli di pittura di Franco Gentilini all’Accademia di via Ripetta a Roma. Nella capitale si guadagna da vivere facendo ritratti a piazza Navona. Con gli anni Ottanta, mentre imperversa la guerra Iran-Iraq, si fa promotore di iniziative di mobilitazione sociale e inizia a rileggere pittoricamente la propria storia facendo riaffiorare nelle tele atmosfere e colori che rimandano ai luoghi della sua giovinezza. A partire da questi anni partecipa a numerose rassegne collettive e tiene mostre personali in Italia, Belgio, Siria, Francia, Austria, Germania, Libano, Inghilterra, Emirati Arabi, Egitto. Nel 2004, alla Biennale del Cairo, gli viene dedicata la sala d’onore. Risiede e opera a Roma.

Andrea Romoli

jaber1  

 

 

L’altra faccia del potere

1980

acrilico su tela

 cm 80×120

Foto: Giuseppe Schiavinotto

 

 

 

jaber2  

 

 

 

L’altra faccia del potere

1980

acrilico su tela

cm 80×120

Foto: Giuseppe Schiavinotto