Energia: Cgil, recepire direttiva Ue Dafi e prevedere risorse e incentivi


Roma, 13 ottobre – “Chiediamo al Governo italiano di recuperare in pieno il contenuto della direttiva europea DAFI sullo sviluppo dell’infrastruttura per i combustibili alternativi, che dovrà essere recipita entro il 18 novembre, senza privilegiare alcun particolare tipo di tecnologia. Inoltre, chiediamo di inserire nella legge di bilancio incentivi e contributi pluriennali per raggiungere gli impegni previsti nella direttiva stessa”. È quanto auspicato dalla Cgil che, questa mattina, ha promosso un’iniziativa per riaccendere i riflettori sui temi del trasporto sostenibile, dalla mobilità elettrica ai biocarburanti, idrogeno e gas naturale.

Per la Cgil “il mondo della mobilità dovrà affrontare trasformazioni molto profonde, che dovranno essere gestite con intelligenza se si vorrà evitare una vera catastrofe sia sul piano industriale che occupazionale”. Una sfida che rende quindi “indispensabile l’accelerazione della decarbonizzazione del settore dei trasporti, l’utilizzo di fonti energetiche alternative, il miglioramento dell’efficienza dei veicoli e la riduzione delle emissioni di sostanze nocive”. Infine, “è necessario favorire il superamento di alcuni limiti come i costi ancora eccessivamente alti delle auto elettriche, la ridotta durata delle batterie e la mancanza dei punti di ricarica”.

La Cgil è pronta a misurarsi con le nuove sfide, senza riserve o preconcetti, come già sta facendo con le proposte contenute nel Piano straordinario per l’occupazione giovanile e femminile”, ha dichiarato il segretario confederale Franco Martini, prendendo la parola a conclusione dell’iniziativa. “Occorre costruire gradualmente una nuova cultura industriale – ha sottolineato – che parta da una riconversione produttiva e culturale. Apprezziamo il decreto che recepisce la direttiva e ci impegneremo a contribuire al percorso di piena attuazione, servono però le risorse e vanno individuate nella finanza pubblica, non solo dai privati”, ha concluso Martini.

L’iniziativa, che si è tenuta nella sede nazionale della Cgil a Roma, è stata introdotta da Rosario Strazzullo, coordinatore dell’area contrattazione della confederazione. Sono intervenuti: Antonio Filippi, responsabile politiche energetiche Cgil nazionale (relazione introduttiva); Nicola Conenna, Presidente Hydrogen University; Rosita Galdiero, segretario generale Cgil Benevento; Giovanni Perrella, segreteria tecnica ministero Sviluppo economico; Emilio Miceli, segretario generale Filctem Cgil; Alessandro Rocchi, segretario generale Filt Cgil; Umberto Del Basso De Caro, sottosegretario ministero Infrastrutture e Trasporti. Il dibattito è stato coordinato dal direttore di QualEnergia.it Sergio Ferraris.


CONTINUA A LEGGERE