Ddl Scuola: Camusso, modifiche insufficienti, prosegue mobilitazione


“Il governo ha accusato il colpo della manifestazione del 5 maggio scorso, che ha determinato l’incontro di stasera, di cui non si può dare un giudizio positivo: non è stata data nessuna risposta alle criticità che abbiamo proposto”. Così  il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, al termine dell’incontro con l’esecutivo a Palazzo Chigi sul ddl ‘buona scuola’.

“Il governo ha detto di aver preso buona nota, anche se siamo ben lontani dal cambiamento profondo dell’impianto” del provvedimento. Camusso oltre al merito critica il metodo:  “ci sarà un ulteriore appuntamento delle categorie con il ministro per discutere il ddl”, ma “si commenta da solo il fatto che  l’esecutivo faccia il confronto dopo l’audizione parlamentare”.

“Il mondo della scuola continua a essere mobilitato, sono molte le iniziative in campo”. “E’ chiaro a tutti che il ddl, anche rispetto alle poche modifiche apportate, è un modello non condiviso nella scuola. Continueremo perciò a batterci per cambiarlo” conclude Camusso.