Corea del Sud: Cgil, solidarietà a KCTU, siano rispettati diritti sindacali fondamentali


La Cgil esprime la propria solidarietà alla Confederazione Sindacale Sud-Coreana KCTU per i recenti gravi attacchi da parte del governo e della polizia. La Cgil si unisce all’ITUC nella richiesta di ritiro immediato del mandato di arresto nei confronti del segretario generale Han Sang-gyun e chiede il rilascio dei sindacalisti arrestati recentemente”. E’ quanto afferma Fausto Durante, responsabile Area politiche europee e internazionali Cgil.

“Non più tardi di due settimane fa, – ricorda il dirigente sindacale – la Cgil partecipava a un seminario internazionale organizzato dalla KCTU sulla deregolamentazione dei diritti del lavoro a livello globale e alla manifestazione contro la riforma del mercato del lavoro, che il governo ultraliberale della presidente Park Geun-hye sta portando avanti con autoritarismo”.

“La KCTU, insieme a esponenti dei movimenti sociali, – conclude Durante – ha organizzato una grande manifestazione repressa con barricate della polizia, cannoni ad acqua e gas lacrimogeni. Chiediamo un’azione di solidarietà e un intervento degli organismi internazionali affinché venga ripristinato il rispetto dei diritti sindacali fondamentali”.