Cgil su dati Gdf, voragine corruzione. Sblocca Cantieri alimenterá disastro


Roma, 21 giugno – “I dati sull’evasione fiscale ci danno, purtroppo, inesorabilmente ragione e il Governo, invece di adoperarsi per assicurare un ripristino delle condizioni di legalità, soprattutto negli appalti, interviene con lo Sblocca Cantieri che alimenterà il disastro”. Così il segretario confederale della Cgil Giuseppe Massafra commenta quanto emerso dai controlli della Guardia di Finanza, presentati in occasione del 245° anniversario della festa del Corpo che si celebra oggi a Roma.

Per il dirigente sindacale “nonostante la critica situazione si continua a non affrontare la voragine della corruzione che impedisce alle imprese sane di operare e non favorisce lo sviluppo, perché non farà ripartire il lavoro”.

Infine, sottolinea Massafra “nello Sblocca Cantieri si prevede una diminuzione delle risorse per le vittime sul lavoro. Si riducono del 30% i premi assicurativi contro gli infortuni che le imprese hanno l’obbligo di pagare all’Inail, sempre in nome dei minori costi sul lavoro, a danno dei più deboli”. “Anche per la legalità e contro la corruzione – conclude il segretario confederale – saremo domani a Reggio Calabria assieme a Cisl e Uil per la manifestazione nazionale ‘Ripartiamo dal Sud per unire il Paese’”.