Cgil, profondo cordoglio per la scomparsa di Stefano Patriarca


Roma, 15 febbraio – “Ci mancherà un amico e una persona cara, un uomo di grande intelligenza e profonda ironia. Ci mancherà, soprattutto, la sua rara competenza, il suo impegno e la sua passione per le cose che faceva”. Così la Cgil, che esprime “profondo cordoglio” e “vicinanza alla famiglia”, ricorda Stefano Patriarca, scomparso ieri a Roma, dopo una breve malattia. 

Nato nel 1951, esperto di politiche del welfare e del lavoro, Patriarca si era laureato con lode alla Sapienza di Roma in Scienze statistiche demografiche con indirizzo economico, diventando subito dopo ricercatore universitario sul modello macroeconomico con Paolo Sylos Labini.  

Successivamente, dopo una breve esperienza in Rai come dirigente delle risorse umane, nel 1978 approderà in Corso d’Italia, dove diventerà direttore dell’Ires (l’Istituto di ricerca economico e sociale della Cgil), incarico che ricoprirà fino al 1991.  

Molto vicino a Bruno Trentin, con cui collaborerà a lungo, dal 1991 al 1996 coordinerà il Dipartimento economico e del welfare della Cgil, con un ruolo di responsabilità e gestione delle attività tecniche di analisi e proposta del dipartimento e delle relazioni con il Governo e le controparti sociali nel campo delle politiche economiche, fiscali e del welfare.  

Patriarca è stato anche membro del Cnel e presidente di varie commissioni dal 1986 fino al 1996, anno in cui sarà nominato presidente del Formez (Centro di formazione e studi per la modernizzazione delle pubbliche amministrazioni). Incarico che ricoprirà fino al 1999.    

Nel 2000 approderà alla Presidenza del Consiglio, con l’incarico di direttore del progetto di decentramento amministrativo che ricoprirà fino al 2003. 

In seguito, avrà molti altri incarichi e collaborazioni con la regione Campania, la regione Umbria, il Comitato per la protezione sociale della Commissione europea, l’Istat, il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Inps, fino all’incarico di esperto del Nucleo tecnico di coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei ministri con i governi Renzi e Gentiloni.