Cgil, Cisl, Uil su Anpal Servizi



Roma, 24 maggio – “Ieri, mentre i lavoratori di Anpal Servizi erano in sciopero e si mobilitavano in tutta Italia per rivendicare la stabilizzazione degli oltre 650 precari impegnati da anni nella gestione delle politiche attive, il Ministro Di Maio, sollecitato in merito, interveniva durante la trasmissione televisiva ‘Piazza Pulita’ sostenendo: “Possiamo dirci che in passato in questo settore si formavano le persone per fare i corsi e non si facevano i corsi per formare le persone? Si stabilizzavano le persone non competenti. Adesso un po’ alla volta metto a posto”. Lo affermano segretario generale aggiunto Cisl Luigi Sbarra, e i segretari confederali di Cgil e Uil Tania Scacchetti e Ivana Veronese.

Per i tre dirigenti sindacali “le affermazioni del poco informato Ministro appaiono estremamente gravi e lesive della dignità dei lavoratori che operano su direttive del ministero e che dopo aver sostenuto in questi anni ben più di un concorso per vedere confermate quelle competenze esclusive che Di Maio sminuisce, sono infatti oggi chiamati da Anpal Servizi proprio per formare i cosiddetti ‘navigator’, per essere poi assunti con contratti in collaborazione”.

“Piuttosto che affrontare la questione con una battuta in tv, il ministro potrebbe rispondere ai lavoratori e alle organizzazioni sindacali di Anpal Servizi che hanno espressamente richiesto l’apertura di un tavolo di crisi”, concludono Sbarra, Scacchetti e Veronese.