Archivio fotografico

Acquisito da «Rassegna Sindacale» e costantemente arricchito da nuove accessioni, l’Archivio fotografico Cgil comprende circa 3.500 buste per un totale di 25.000 fotografie di argomento politico, storico – sociale, di storia del costume e della cultura in particolare italiana.

Le immagini coprono un arco temporale che va dall’inizio del Novecento agli anni Novanta, con maggiore consistenza per il periodo dal secondo dopoguerra agli anni Ottanta.

Si tratta di un notevole apparato iconografico, costruito negli anni da «Lavoro», settimanale rotocalco della Cgil dal 1948 al 1962, poi da «Rassegna Sindacale», tuttora rivista della Confederazione. L’archivio presenta le caratteristiche tipiche dell’archivio redazionale, connesso e finalizzato alla pubblicazione di un periodico di attualità sociale, politica e culturale.

Attraverso le foto in esso conservate è possibile avere il quadro dei momenti più significativi dell’attività della Cgil, ma anche di altre organizzazioni sindacali, della storia degli scioperi, delle manifestazioni, delle lotte per i diritti dei lavoratori, dei Congressi, cui parteciparono figure celebri del sindacalismo italiano ed estero.

L’Archivio fotografico della Cgil nazionale è consultabile nella sezione iconografica dell’Archivio storico e su Europeana (European digital library, museum, archive), una biblioteca digitale europea che riunisce contributi già digitalizzati da diverse istituzioni dei 27 paesi membri dell’Unione europea in 23 lingue. Un’iniziativa per garantire l’accesso a contenuti digitali eterogenei: libri, film, dipinti, giornali, archivi sonori, mappe, manoscritti, archivi cartacei e fotografici. Online dal gennaio 2009, Europeana permette la fruizione di risorse provenienti da biblioteche, archivi, musei, collezioni, anche audiovisive, di tutta Europa.

L’Archivio storico Cgil nazionale partecipa al progetto con il proprio patrimonio fotografico, le Serie Verbali degli organi statutari (1944-1986) e Circolari (1944-1986), pubblicazioni Cgil nazionali, territoriali e di categoria a partire dagli anni Quaranta.

Avere una visibilità web non è oggi soltanto importante, è fondamentale. La comunicazione moderna sta infatti gradualmente abbandonando i canali classici cui siamo ormai abituati per rivolgersi sempre di più a coloro che utilizzano la rete.

In questa prospettiva negli ultimi anni l’Archivio storico della CGIL e la sua Biblioteca hanno lavorato per rendere consultabili on line i propri materiali, conseguendo risultati importanti dei quali l’adesione ad Europeana costituisce solo una parte: l’inventario dell’Archivio storico è consultabile on line fino al 1986 (sono disponibili in file digitalizzato allegato alla scheda documento tutti i verbali degli organi statutari e tutte le circolari confederali fino alla medesima data); è a disposizione degli utenti l’Archivio fotografico della Confederazione pressoché nella sua interezza; il catalogo della Biblioteca è consultabile in SBN; su ACNP è a disposizione degli utenti il catalogo dei periodici posseduti.
Dal 2010 l’Archivio storico CGIL nazionale aderisce ad Archivionline, progetto promosso nel 2003 dal Senato della Repubblica con l’obiettivo di creare un archivio unico virtuale del patrimonio documentale di personalità politiche, partiti, gruppi parlamentari e associazioni sindacali conservato presso l’Archivio storico del Senato e presso istituti e fondazioni.

L’inventario dell’Archivio è anche consultabile anche attraverso SIUSA e SAN (schede in corso di aggiornamento).