Ambiente: Cgil, Cisl, Uil, governance condivisa per giusta transizione


Roma, 19 ottobre – “È di primaria importanza il coinvolgimento delle parti sociali per fronteggiare i cambiamenti climatici e favorire  la giusta transizione”. É il monito lanciato quest’oggi da Cgil, Cisl e Uil in occasione del seminario promosso dalla Ces “Follow-up all’accordo di Parigi sul cambiamento climatico”, tenutosi a Roma, presso la sede nazionale della Uil.

Per i sindacati “il Governo deve assumere nella sua agenda politica precisi obiettivi, non più rimandabili”, tra i quali sottolineano: “la conferma e l’attuazione dell’accordo di Parigi, ma anche i 17 goals contenuti nell’Agenda 2030 dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile”. “È indispensabile – proseguono – attuare strategie fattive ed ambiziose per ridurre le disuguaglianze e la povertà, agire per il clima, garantire il lavoro dignitoso, e favorire la sostenibilità della crescita economica, dello sviluppo industriale, dell’innovazione e delle infrastrutture”.

Per conseguire questi obiettivi “è importante – concludono Cgil, Cisl, Uil – avviare una governance condivisa tra Istituzioni, sindacati e datori di lavoro sui mezzi atti a garantire una giusta transizione per i lavoratori e le comunità e sostenere così la crescita occupazionale”.