Amazon: Cgil, subito incontro per regolarizzare 1300 lavoratori


Roma, 8 giugno – “Finalmente, grazie alle denunce del sindacato e dei lavoratori coinvolti, l’Ispettorato del Lavoro ha accertato la grave lesione dei diritti per 1300 dipendenti di Amazon”. Così la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti commenta quanto notificato quest’oggi dall’Ispettorato del Lavoro che, di fatto, obbliga l’azienda alla stabilizzazione dei lavoratori.

“Dopo l’importante accordo di Piacenza – ricorda la dirigente sindacale – continueremo a batterci per far rispettare i diritti e estenderli ai nuovi lavori”.

“Inoltre – conclude Scacchetti – chiederemo immediatamente un incontro ad Amazon e alle agenzie di somministrazione per regolarizzare la posizione dei lavoratori che avranno il diritto ad un contratto a tempo indeterminato”.