Aemilia: Cgil, sentenza risultato storica


Roma, 31 ottobre – La sentenza di oggi del più importante processo per Mafia del Nord Italia, il processo Aemilia, rappresenta un risultato storico, in cui la CGIL ha avuto un ruolo determinante. Viene confermato l’impianto accusatorio e inflitte 120 condanne per più di MILLE anni di carcere. Sono state riconosciute le responsabilità di tanti imprenditori che hanno abdicato al loro ruolo cedendo a connivenze con la criminalità organizzata.
Cgil Cisl e Uil, costituiti parte civile nel processo, hanno potuto dimostrare come siano stati lesi, a causa dell’accertato ruolo della Ndrangheta nel sistema economico del territorio Emiliano, i diritti dei lavoratori e con essi la libertà di associazione sindacale. Questa sentenza è esemplare nell’attività di contrasto alle mafie che per la CGIL rappresenta da sempre un pilastro irrinunciabile.