2021, l’anno della rinascita – il videomessaggio di Maurizio Landini su Collettiva.it


Guarda il videomessaggio su Collettiva.it

Roma, 31 dicembre – “Care lavoratrici e cari lavoratori, l’augurio è che il 2021 sia davvero l’anno della rinascita del nostro Paese. Dopo il terribile anno che abbiamo vissuto e che finalmente si sta chiudendo, abbiamo ora, con le risorse straordinarie che l’Italia come gli altri paesi in Europa ha a disposizione, una grande occasione per ridisegnare il nostro futuro”, così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, in un video messaggio di fine anno pubblicato su Collettiva si rivolge direttamente ai lavoratori.
Per il numero uno del sindacato di Corso d’Italia, ridisegnare il Paese significa: “Giustizia sociale e quindi mai più diseguaglianze; più legalità e contrasto alla corruzione e all’evasione fiscale; solidarietà e non più competizione o individualismo; un lavoro con più diritti e non precario; sanità pubblica e non solitudine delle persone; istruzione, scuola, cultura, formazione e non povertà educativa”.
“Se ci pensate un attimo – afferma Landini – è molto bello poter mettere insieme giovani, donne e anziani, con le loro differenze e con i loro diversi bisogni, per ricostruire il Paese, per progettare un nuovo modello sociale”.
“Noi come Cgil – prosegue il segretario generale – vogliamo essere utili a questo fine, vogliamo essere lo strumento, il luogo che permette a persone diverse di mettersi assieme per cambiare davvero il Paese. E per fare questo c’è da lottare, non è un percorso facile, scontato. Chiediamo a ognuno di voi di partecipare a questo processo. L’anno che abbiamo alle spalle è stato davvero terribile, ha pesato sulla vita di ognuno di noi anche in modo doloroso e ha fatto emergere, attraverso la pandemia, tutte quelle fragilità e quelle diseguaglianze di un modello sociale ed economico sbagliato che in questi anni ha svalorizzato il lavoro a favore del mercato e del profitto”.
“Noi questa logica, questa cultura – aggiunge Landini – la vogliamo cambiare. Siamo nel bel mezzo di grandi trasformazioni, di grandi cambiamenti. Pensiamo a quello climatico, alla tutela dell’ambiente, all’arrivo delle nuove grandi tecnologie digitali, ai tanti cambiamenti demografici in atto. Tutti questi fattori assieme cambiano il lavoro, l’impresa, il rapporto e le relazioni tra le persone. Allora c’è bisogno di un nuovo protagonismo del mondo del lavoro e noi come Cgil vogliamo svolgere questa funzione”.
“Per farlo – conclude il segretario generale della Cgil nel video messaggio di fine anno – abbiamo bisogno dell’intelligenza di tutti voi. Il nuovo anno dipenderà da quello che saremmo capaci di fare. E allora l’invito che rivolgo a tutti voi è: prendete il meglio della vostra vita e della vostra intelligenza e mettetela a disposizione di questo processo di cambiamento, di questa lotta, di questa battaglia. Noi vogliamo un mondo migliore, non domani lo vogliamo qui e ora. Credo che insieme ce la possiamo fare davvero. Un buon 2021. Abbiamo bisogno dell’intelligenza di tutti e abbiamo la forza della ragione dalla nostra parte”.